giugno: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Commenti recenti

    La dipendenza dalla patatine. Da dove viene questa abitudine?

     

    La dipendenza dalle patatine è oggetto di ricerca, i cui risultati sono stati presentati nel corso della riunione della American Chemical Society a New Orleans. La fonte del problema menzionato nel titolo è il sistema di ricompensa e il relativo fenomeno di iperfagia edonistico.

    I risultati dell’esperimento

    potato chips
    Durante il test si sospettava che la dipendenza delle patatine fritte è associata con il loro alto contenuto energetico. Gli scienziati hanno condotto un esperimento basato sul fatto che un gruppo di ratti ha mangiato le patatine fritte e altri alimenti.Nel foraggio, tuttavia, c’era la stessa di grassi e zuccheri, come nello spuntino di patata dato al primo gruppo. Nonostante questo, i chip erano il cibo più attraente. Ulteriori ricerche saranno probabilmente diretta a determinare i fattori molecolari che attiveranno il sistema di ricompensa durante il consumo di snack di patate. La loro identificazione permetterebbe in futuro di sviluppare formulazioni in grado di ridurre il desiderio di prelibatezze salate.

    Le patatine-una miniera di calorie,grassi e composti anti cancro

    chips

    Solo 100 g di patatine possono contenere circa 550 calorie, lo stesso di una barretta di cioccolato. Il problema è che il pacchetto di solito contiene più di 100 g di spuntini, e una persona è in grado di mangiare l’intero contenuto del pacchetto. Il consumo di 300 g di patatine fritte o grandi pacchetti di snack, soddisfa le esigenze quotidiane del corpo per produrre l’energia. Tuttavia, noi li forniamo con le calorie vuote invece di un alimento prezioso. Le patatine sono uno spuntino grasso, in modo che possano portare allo sviluppo di obesità e le malattie legate all’alimentazione. Il prodotto contiene anche un sacco di sale. Solo 100 grammi di patatine fornisce il 50% della dose raccomandata di sodio per il corpo. Il sodio si trova anche in altri pasti e le patatine di solito si mangia più di 100 grammi, quindi per l’eccesso di questo elemento nella dieta non è difficile. Il sodio contribuisce al gonfiore e la ritenzione di acqua nel corpo. Essa contribuisce anche all’ ipertensione e altre malattie del cuore e del sistema circolatorio. Le patatine contengono anche acrilamide, una sostanza cancerogena che incidono negativamente sul funzionamento del sistema nervoso.

     

    Gli ingredienti di dipendenza

    addictive ingredients

    Come accennato in precedenza, non si è riuscito a determinare un componente specifico di patatine che causano la dipendenza. Ma la ricerca in questo settore sono state effettuate da un gruppo di ricercatori dell’Università di Erlangen – Norimberga. I loro due centesimi gettarono gli scienziati americani. Notevole anche la tesi formulata dall’ autore del libro “Salt sugar fat “. Secondo  Michael Moss il fattore di messa alle patatine sono le loro caratteristiche di attività, quali lo spessore, il grado di doratura, la composizione si spezie e una adatta proporzione di zucchero e sale. Colpisce più il piacere dal cibo.

    Il sistema di ricompensa

    reward system

    Le patatine stimolano fortemente il cervello, principalmente il centro del piacere, le dipendenze e l’ abuso di sostanze e premi. Lo spuntino di patate è uno dei prodotti più coinvolgenti, oltre al cioccolato e la pizza. Il sistema di ricompensa indicato anche come il centro del piacere è un insieme di strutture cerebrali che sono responsabili per la motivazione e il controllo del comportamento. Il meccanismo detto e’ sviluppato in modo da aumentare la probabilità di comportamenti potenzialmente benefici. La stimolazione del sistema di ricompensa è legata alla sensazione di piacere. Il premio viene attivato al momento di soddisfazione del desiderio, e quindi al momento del comportamento sessuale, così come durante i pasti. Il sistema di ricompensa è parte del sistema limbico.

    Leave a Reply

    You can use these HTML tags

    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>